Milazzo gara in assetto costante blog Acquatica

  1. Home
  2. |
  3. Blog e articoli
  4. |
  5. dettagli articolo

Milazzo gara in assetto costante

| in: Apnea Milazzo gara in assetto costante

 

La caparbietà dell'organizzatore Giuseppe Borgia, ed il suo ottimismo hanno consentito che domenica 25 settembre 2011 si disputasse il primo trofeo ASD Calispera 90 per le discipline out door in assetto costante con e senza attrezzi, ricordiamo che l'ultima competizione federale per le discipline profonde risaliva ad un campionato Italiano svoltosi a Siracusa nel 2006.

La struttura alberghiera di Capo d'Orlando che ha ospitato la manifestazione è sembrata una buona scelta, in quanto si trova a pochi metri dalla battigia sabbiosa che declina velocemente verso profondità considerevoli, il che ha consentito di spostare il campo gara a poche centinaia di metri dalla linea di costa, le condizioni meteo marine ottimali e l'assenza di corrente, hanno creato il giusto presupposto per una bella giornata di mare.

L'assistenza agli atleti è stata affidata ai sommozzatori della Guardia di Finanza che sono intervenuti con una grossa motovedetta ancorata nei pressi del campo gara, una unità della Guardia Costiera ha pattugliato lo specchio di mare interessato.

E' opportuno sottolineare lo spirito di adattamento e di reciproca collaborazione tra tutti i partecipanti:atleti, giudici di gara, forze dell'ordine ed organizzatori che ha caratterizzato l'andamento della gara e che ha consentito l'ottimizzazione di alcuni aspetti organizzativi.

Grazie in partiocolare  all'ottimo lavoro del giudice federale nonché addetto alla sicurezza Michele Geraci e all'instancabile Davide Carrera l'andamento della gara è stato fluido, regalando agli atleti coinvolti nella competizione una percepita sicurezza, il vicepresidente delle attività subacquee federali Stefano Floris ha garantito con il proprio bagaglio di esperienza la linearità degli interventi e la cadenza delle partenze sul cavo guida.

Per l'occasione si sono radunati molti campioni dell'apnea Italiana, provenienti da ben otto regioni diverse, che hanno saputo cogliere con entusiasmo l'avvio dell'attività agonistica federale in assetto costante in Italia ,i fuoriclasse che solitamente primeggiano in apnea dinamica e nel jump blue non si sono lasciati sfuggire l'occasione di ricominciare a parlare di agonismo profondo dopo molti anni di stop, affrontando questa prima competizione con la giusta dose di leggerezza e voglia di esserci.

Citandone solo alcuni hanno partecipato alla gara il neo campione del mondo di jump blue Michele Fucarino, i pluri medagliati Michele Tomasi, Lorenzo Bossi, Luigino Ceppi e Stefano Tovaglieri, tra le donne Francesca Scolari ,Jessica Giraldi e la giovane promessa Alessia Zecchini.

Il grande profondista Davide Carrerra ed il forte atleta Catanese Massimiliano Astuto hanno ricevuto una wilde card da parte della federazione, che gli ha consentito di rientrare nell'agonismo prendendo parte alla gara fuori classifica in prima categoria, con un limite di 50 mt ciò gli consentirà di ritornare a far parte della cerchia degli agonisti elite del blu.

Nell'ambito Siciliano un piccolo gruppo di apneisti di Acquatica capitanati dal giovane l'elite Marco Galante ha ben figurato piazzandosi ai primi posti delle rispettive categorie, la asd Calispera 90 ha fatto la propria parte inserendo in gara Silvia Nastasi in 2° categoria e diversi altri atleti esordienti.

 

La gara è partita seguendo l'ordine delle profondità maggiori dichiarate, per cui il primo partente è stato Luigino Ceppi della Mon Sub Jesi che scendendo a meno 67 metri con attrezzi si è anche aggiudicato la prima piazza sul podio seguito da Stefano Tovaglieri che si è fermato qualche metro più su e da Stefano Correale il nostro Marco Galante si è aggiudicato il quarto posto assoluto.

Nella disciplina senza attrezzi invece Michele Tomasi e Lorenzo Bossi rispettivamente primo e secondo hanno portato a casa prestazioni di tutto rispetto 62 mt per Tomasi 55 mt per Bossi.

Tra le donne nella disciplina con attrezzi Francesca Scolari ha toccato il piattello a 51 mt seconda Jessica Giraldi con 51mt ma con una differenza sul tempo dichiarato.

Nella rana sub femminile Alessia Zecchini unica elite ad aver scelto questa disciplina ha raggiunto i -50 ma dopo la riemersione ha accusato la fatica e complice una inefficace ventilazione non è riuscita a completare il protocollo di uscita, inevitabile quindi la squalifica. Nelle categorie minori numerosi atleti donne ed uomini, che dopo aver superato i primi momenti di ansia hanno dato prova di riuscire a godersi un meraviglioso tuffo nel blu trovandosi a proprio agio con i cavetti di vincolo le procedure di partenza ed i protocolli di gara.

Dalle impressioni raccolte nel pre e post gara si è percepito chiaro l'impegno e la determinazione che numerosi atleti nazionali desiderano porre nell'assetto costante, disciplina considerata dalla stragrande maggioranza degli gli apneisti come disciplina regina tra quelle dell'apnea pura.

 

Il via è stato dato, con pochi mezzi e con molta buona volontà la Sicilia ha centrato l'obbiettivo che mancava, la federazione ha risposto con soddisfazione e con ottimi auspici per il futuro come sottolineato dal vicepresidente Floris durante la premiazione degli atleti.

 

Naturalmente altro lavoro dovrà essere fatto per migliorare i regolamenti ed i necessari protocolli di gestione di una gara, di concerto con la federazione con gli atleti e le società organizzatrici, guardando con interesse critico costruttivo anche alle altre realtà che l'agonismo profondo stà già mettendo in campo da tempo.

 

 

Tags:
 

Commenti (0)

Inserisci il tuo commento

avatar man Uomo      avatar man Donna

 

Cosí nasce Acquatica come associazione sportiva dilettantistica, con scopo sociale quello di promuovere ed organizzare l'attività sportiva degli sport che si svolgono in acqua.